pensieroliberale.ilcannocchiale.it

PensieroLiberale | PensieroLiberale | Il Cannocchiale blog

Le seguenti informazioni sono solo una stima di . I visitatori della pagina web, valore, reddito, posizione ecc possono variare molto da un giorno all'altro. La nostra stima di visitatori e di reddito, si basa solo su statistiche da un momento specifico in un giorno specifico. Si consiglia di visitare il sito frequentemente per vedere se il sito aumenta o diminuisce in valore. :-)

Entrate pubblicitarie e visitatori

Pagine Viste Giornaliere46
reddito giornaliero2 £
reddito mensile48 £
Guadagno annuo584 £
andamento del trafficoAlexa chart
Info ultimo aggiornamento: 2017-03-29

Che cosa è PensieroLiberale | PensieroLiberale | Il Cannocchiale blog?

Esempio giudizio individuo pensiero liberale tenebre fazione permalink | inviato da PensieroLiberale il 18/9/2011 alle 9:40 | commenti (21) | sfoglia     agosto          Ultime cose Il mio profilo Storia Moderna Storia in Rete Storia in Network La Città dei Liberi Istituto Bruno Leoni 11 Minuti Lib Magazine Opinione delle Libertà Il Domenicale Lisistrata Foresta dei Giusti Terza Repubblica Ragion Politica Metaforum Museo dell'emigrazione Gualdo Tadino Ide@zione ...

Analisi SEO

Alexa rank#N/A
Dimensione81 KiB
4 KiB
Rapporto Content-HTML3.9% testo VS 96.1% html
H1-6 tagH1: Antonio Di Pietro, sedotto e abbandonato dal Pd e scavalcato a sinistra ancheda Casini, nel tentativo di recuperare un po' di popolarità, èritornato ad occuparsi di uno dei buchi più neri della storia diquesto Paese: la famosa trattativa tra Stato e Mafia. Ma a causa diquesta sua nuova crociata Di Pietro ha finito per scontrarsinuovamente con il Presidente della Repubblica Napolitano. E questavolta, vista la delicatezza della materia, lo scontro tra i dueuomini politici è risultato più aspro che mai e ha portato a conseguenze imprevedibili, con Di Pietro che è arrivato addirittura dire cose che non ci saremmo mai aspettati da lui e che, è meglio precisarlo, anche io condivido solo in parte. Innanzitutto orasappiamo che per l'Ex Pm più famoso del Pool di Mani Pulite su Napolitano avrebbe ragione addirittura Craxi perché il nostro attuale Presidente della Repubblica era un individuo pocoraccomandabile al soldo di Mosca . Inoltre sempre Di Pietro ci hafinalmente detto che secondo lui l'Italia di quel periodo era piena di comunisti italiani fedeli a Mosca e che quei comunisti oltre che irubli da Mosca prendevano anche le tangenti in Italia, anche se perquelle tangenti la passarono liscia in più di un'occasione. Sullequestioni riportate alla ribalta da Di Pietro ovviamente ci sono esempre ci saranno molti lati oscuri e, parlando di esse, nel nostroPaese ci divideremo sempre in due fazioni contrapposte che discutonoanimatamente. Tuttavia si dovrebbe essere unanimi nel condannare ladoppiezza politica del signor Di Pietro che ora ci viene a raccontarecose che, sempre lui, una ventina di anni fa, raccontava in modo completamente opposto; che ci viene a parlare male di quelle personea cui deve molto nella sua ascesa politica; che ci viene a dire chequelli che prima erano il male assoluto oggi per lui sono persone chehanno ragione su importanti questioni. Che pena sentire Di Pietrogettare fango su un periodo storico che nel nostro Paese era stato consegnato agli annali come l'Epopea di un Manipolo di Uomini Buoniche ripulirono l'Italia da corrotti e corruttori senza far sconti anessuno. Ma la cosa più drammatica in tutta questa paradossalevicenda è assistere impotenti allo spettacolo indegno del Di Pietrodi ieri, uno che molti credevano come un uomo senza macchia,affossato dal Di Pietro oggi, leader disperato di un partitomomentaneamente allo sbando. Che tristezza apprendere da questo cialtrone le terribili manchevolezze del Pool di Mani Pulite e delsuo Leader Indiscusso.Francesco.
H1: Tutto è iniziato con gli insulti dei grillini ai democratici a cui il segretario del Pd ha reagito rinverdendo una vecchia abitudine della sua parrocchia politica, cioè quella di bollare come fascisti gli avversari di turno. Evidentemente è tipico di una certa sinistra vedere fascisti in tutti i luoghi,escluso dove sono veramente, cioè in casa propria o nelle immediate vicinanze. Questa accusa ha generato una nuova ondata di ira funesta di Grillo, che ha rincarato la dose accusando Bersani di essere un fallito e un amico dei piduisti. Nella guerra tra i due si è inserito prontamente anche Di Pietro che,prima ha tentato di fare da pacere, ma poi non ha resistito, a sua volta, alla tentazione di insultare il povero Pierluigi Bersani. E quando tutto sembrava ormai tragicamente e irrimediabilmente compromesso, ecco spuntare all'orizzonte un po' di comicità. Benigni,probabilmente chiamato alle armi da coloro a cui deve molto, in un suo "spettacolino" ha trovato il tempo, tra un sorriso e una battutina affettuosa al Grillo sparlante, di manifestare la sua vicinanza al leader del Pd. Alche il comico genovese, forse perché punto nell'orgoglio dall'inaspettata uscita del collega toscano, ha replicato gettando sospetti su Benigni, a cui ha rivolto la pesante accusa di aver ricevuto un adeguato compenso per la sua accorata difesa del leader del Pd. Da quel momento la "Gloriosa Macchina Da Guerra Democratica" si è messa in moto e per il Grillo sparlante non c'è stata più tregua. Prima è comparso sulla scena un super-testimone che ha raccontato agli Italiani che anche Grillo, quando si schiera per una causa, spesso non lo fa per amore, ma solo per il vil denaro. Il super-testimone ha infatti reso pubblico che Grillo nel 1999 ricevetteun interessante compenso di dieci milioni di lire per un suo spettacolo. E, non contento, ha poi aggiunto che il pagamento avvenne addirittura in nero, con buona pace del fisco. Deve essere stato davvero un brutto colpo, per uno che si atteggia a moralizzatore, passare in un colpo solo da quello che viola la legge e da quello che rimprovera agli altri le stesse cose che fa anche lui.  Poi è partita una campagna mediatica volta a rendere di dominio pubblico il modo in cui Grillo gestisce dittatorialmente il suo movimento. E sui mezzi di comunicazione italiani,  da qualche giorno, viene dato molto spazio alle lamentele dei colonnelli grillini scontenti. Spiazzato da questa mosse inaspettate dei democratici, Grillo ha evocato un clima da anni di piombo e ha provato a farcire il tutto mettendoci dentro un'oscura trama di qualcuno per eliminarlo. Davvero patetico questo passaggio. Infatti,anche senza considerare che i democratici non utilizzano questi metodi, appare evidente che non avrebbe senso sporcarsi le mani con uno che si è già messo da solo il cappio al collo. Francesco.
link onsite164
Onsite link nofollow0
Linkschema

Analysis Server

Ultimi aggiornamenti2017-03-29
IP107.23.27.132
Intestazione
HTTP/1.1 200 OK
Cache-Control: no-cache
Pragma: no-cache
Content-Length: 82135
Content-Type: text/html; charset=utf-8
Expires: -1
Server: Microsoft-IIS/7.5
X-AspNet-Version: 2.0.50727
Set-Cookie: ASP.NET_SessionId=e4shxcrbrqoixw45si4ocb45; domain=ilcannocchiale.it; path=/; HttpOnly
X-Powered-By: ASP.NET
Date: Tue, 28 Mar 2017 23:10:17 GMT
Connection: close
Uptimeè pensieroliberale.ilcannocchiale.it giù

Tags

  • inviato
  • pensieroliberale
  • pietro
  • politica
  • questa
  • questo

Outgoing links

Forse cercavi di scrivere questo?

  • ensieroliberale.ilcannocchiale
  • pnsieroliberale.ilcannocchiale
  • pesieroliberale.ilcannocchiale
  • penieroliberale.ilcannocchiale
  • penseroliberale.ilcannocchiale
  • pensiroliberale.ilcannocchiale
  • pensieoliberale.ilcannocchiale
  • pensierliberale.ilcannocchiale
  • pensieroiberale.ilcannocchiale
  • pensierolberale.ilcannocchiale
  • pensierolierale.ilcannocchiale
  • pensierolibrale.ilcannocchiale
  • pensierolibeale.ilcannocchiale
  • pensieroliberle.ilcannocchiale
  • pensieroliberae.ilcannocchiale
  • pensieroliberal.ilcannocchiale